24 - 05 - 2017

Cammino di Santiago, come gustarsi un percorso spirituale



santiago-mappaspagnaSANTIAGO DE COMPOSTELA – L’intero percorso del pellegrinaggio verso Santiago de Compostela, affrontato lungo il cosiddetto “Cammino francese”, misura 775 chilometri suddivisi in trenta tappe, con l’aggiunta di altre tre tappe per raggiungere l’estremo lembo di terra iberica a Finisterre. Come viene giustamente indicato nella “Guida al cammino di Santiago de Compostela” dell’Editrice Berti, il Cammino è bello ed ha un significato profondo se gustato per più giorni, e non solo con un “toccata e fuga” di pochi chilometri che non consente di vivere appieno un’esperienza al di fuori della normalità.

Nella guida gli autori Alfonso Curatolo e Miriam Giovanzana danno anche alcuni consigli a chi sceglie di compiere solo un tratto del Cammino: innanzitutto è bene procurarsi la Credencial (ovvero la carta del pellegrino, quella che alla fine dell’itinerario diventerà la Compostella) prima di cominciare a camminare per evitare di non trovarla e quindi di non avere accesso alle strutture e di non poter apporre i timbri delle varie tappe.

Inoltre se si hanno soltanto dieci-quindici giorni di tempo si può scegliere di fare solo l’ultima parte del Cammino (come fanno in molti) ma nei mesi di luglio e agosto, visto l’elevato numero di pellegrini, è bene evitare questa soluzione optando per una serie di tappe spezzate tra loro che possano ripercorrere tutto il Cammino anche se non in maniera continuata.

La conchiglia simbolo del Cammino di Santiago

La conchiglia simbolo del Cammino di Santiago

Riguardo la lunghezza delle tappe, l’indicazione è di partire molto presto alla mattina e di fermarsi al primo ostello che si incontra nelle prime ore del pomeriggio, in modo da non rischiare di dormire all’aperto e gustandosi le ore necessarie per un adeguato riposo. L’invito generale è quindi a non strafare per evitare di dover interrompere il Cammino per guai fisici (piaghe, calli, stanchezza, fratture dovute alla stanchezza, febbre, eccetera).

La difficoltà del Cammino non è tanto nel percorrere 20 o 25 chilometri al giorno, bensì a farlo per più giorni consecutivi con lo zaino sulle spalle. Proprio per questo è bene studiare la soluzione migliore per caricare lo zaino con meno indumenti e materiale possibile, ed allenarsi a casa con passeggiate lunghe e frequenti.

Per informazioni visitare i seguenti siti:

www.pellegrinando.it

www.camminodisantiago.com

Visualizza la mappa del cammino di Santiago

Lascia un commento...