27 - 05 - 2017

Santuario della Madonna della Rocca – Cento (Ferrara)



Santuario della Madonna dellaRocca - Cento

Santuario della Madonna dellaRocca - Cento

Il Santuario della Madonna della Rocca si trova a Cento, cittadina di più di 35.000 abitanti in provincia di Ferrara, famosa in tutto il mondo per il suo Carnevale.
Il Santuario risale al 1609, ma fu ricostruito nell’800 ed il suo nome è collegato alla vicina Rocca, per secoli fortezza militare, poi prigione ed infine museo, in cui era un tempo conservata l’immagine ora custodita all’interno del Santuario: la Santissima Vergine col Bambino.
Non si conosce con precisione né l’autore, né la data precisa della sua realizzazione, ma ha una caratteristica peculiare: dal naso della Madonna cola un filo di sangue e due teorie tentano di spiegarne l’origine. Una teoria sostiene che a dipingere la sacra effige fu un soldato polacco, nel 1460, che voleva riprodurre la Madonna di Czestochowa, patrona della Polonia; un altro soldato colpì l’immagine con la lancia e da essa sgorgò sangue.

L’altra teoria sostiene che l’immagine fu dipinta nel 1597, copiando quella della Madonna dell’Arco di Nola, a riprodurre, ma solo in disegno, anche il miracolo che avvenne nella cittadina, dove l’immagine fu colpita e sanguinò.
I primi ad adorare l’immagine furono i soldati di servizio alla Rocca, ma nel 1700 con la rapida diffusione del culto e il numero crescente di pellegrini che accorrevano ad adorala, costrinse all’edificazione di una cappella nella sala dove era esposta.

Quando agli inizi del ‘800 la Rocca divenne un carcere, dunque l’immagine fu spostata nella vicina Chiesa dello Spirito Santo, che cambiò poi nome in omaggio alla Madonna e all’effige.
Grandi i prodigi che le si attribuirono nel corso degli anni, in particolare la protezione durante la grave epidemia di colera che colpì le popolazioni vicine e risparmiò la città di Cento nel 1855, per questo motivo le fu dato l’appellativo di Salus infirmorum.
La devozione dei centesi si manifesta ogni primo sabato dei mesi di marzo, aprile, maggio,giugno e luglio con solenni celebrazioni del Rosario e una fiaccolata.

qui il percorso

visualizzazione ingrandita della mappa

qui trovate maggiori informazioni

Lascia un commento...