20 - 07 - 2017

Santuario della Beata Vergine del Carmine – Rovello Porro (Como)



Rovello Porro Santuario Beata Vergine del Carmine
Santuario della Beata Vergine del Carmine – Rovello Porro

Il Santuario della Beata Vergine del Carmine o del Monte Carmelo, si trova a Rovello Porro, piccolo paese in provincia di Como.
In origine era una semplice e modesta cappella campestre, dedicata alla Natività di Maria, di antichissima origine, infatti il primo documento storico che ne parla risale al XVI secolo, ma vi è scritto che la sua costruzione era così antica che non era possibile datarla con precisione.
Essendo situata lontano dal centro abitato, non vi veniva celebrata la messa e spesso rimaneva chiusa per lunghi periodi, per ovviare al totale abbandono della chiesetta, fu affidata ai Carmelitani, che la curarono e si stanziarono lì accanto.
Poco tempo dopo, durante il XVII secolo, si cominciò, proprio su iniziativa dei Carmelitani, a festeggiare solennemente la festa della Madonna del Carmine, con una grande folla che porta la statua della Madonna in sentita processione.
Nel 1652 per volere di papa Innocenzo X il santuario venne chiuso, ma grazie alla mobilitazione di alcuni personaggi influenti del luogo si riuscì a salvare nuovamente il santuario dall’abbandono. E’ il 1677, lo stesso anno in cui fu donata al Santuario la bella statua della Madonna in legno, tuttora conservata al suo interno.

Durante il XIX secolo divenuta chiesa sussidiaria della parrocchiale, fu più volte ampliata e anche restaurata sensibilmente.
L’inaugurazione del nuovo Santuario si tenne nel 1935, con una solenne cerimonia, in cui venne inaugurato e benedetto, ma non fu consacrato. La consacrazione avverrà ben 60 anni più tardi.
Il suggestivo ciclo di affreschi che rappresentano i Misteri del Rosario, sono stati eseguiti a più riprese dal pittore Vanni Rossi durante la prima metà del ‘900.
A completare la nuova struttura del Santuario il piazzale, i bei portali in bronzo eseguiti da Emiliano Viscardi.
Nel 1995 il Santuario venne consacrato e per onorare l’avvenimento, furono apportate modifiche e abbellimenti: sono di questi anni infatti l’altare in marmo, il restauro ai mosaici e le vetrate policrome delle finestre raffiguranti immagini del Cantico delle Creature di san Francesco.
La festa del Santuario si tiene ancora oggi, la terza domenica di luglio, quando la statua della Madonna viene portata in processione come una volta.

qui il percorso

visualizzazione ingrandita della mappa

qui trovate maggiori informazioni

Lascia un commento...