30 - 05 - 2017

Santuario Madonna di Montevergine– Barano D’Ischia (Napoli)



La chiesetta dedicata alla Madonna di Montevergine, venne ampliata agli inizi dell’ 800 da un certo Baldino eremita, con una struttura architettonica a croce latina, con la cupola al centro del transetto.

L’altare e la balaustra, erano di marmi policromi, risalenti alla meta del XVI secolo. La tela, collocata sull’altare, raffigurante la Madonna e Santi del secolo XVIII, ha sullo sfondo il castello Aragonese e la collina dello Schiappone.

La chiesa in genere era chiusa e veniva aperta per accogliere i pellegrini che giungevano delle isole d’ Ischia e Procida in occasione della festività dell’8 settembre. Nella chiesetta, negli anni 50, fino a che un fulmine lo distrusse, c’era un quadro rappresentante un bambino di due anni circa; si trattava di un ex voto per un miracolo ottenuto, “il miracolo del muto”.

Questo bambino, muto dalla nascita, fu portato dalla madre in chiesa e adagiato sull’altare. La povera donna invocò per il figlio la grazia della parola e si allontanò. Giunta sulla soglia, il bimbo la chiamò “Ma… ” e da quel momento parlò. Ma di miracoli attribuiti alla S. Vergine dello Schiappone in epoca remota sono tanti, peccato che siano andati perduti gli ex voto che li testimoniavano.

Lascia un commento...